newsletter

home / Novità / Giurisprudenza

Filtro per argomento:


Giurisprudenza



Il licenziamento per giustificato motivo oggettivo, l’epidemia, il divieto e la successione di più appaltatori.

Giurisprudenza - Corte di Merito 31/12/2021
Con riferimento al divieto di licenziamento per giustificato motivo oggettivo in ragione dell’epidemia e alla deroga prevista per il caso di successione di più appaltatori, il recesso è legittimo solo quando il secondo abbia di fatto ..


Il rischio di positività e i provvedimenti del datore di lavoro.

Giurisprudenza - Corte di Merito 30/12/2021
Il lavoratore aveva avuto un contatto con persona malata, il fratello, in un Paese cosiddetto a rischio per l’epidemia da virus Covid – 19, ma senza che fosse accertata la cosiddetta positività del fratello. L’impresa lo ha posto ..


Sempre sull’epidemia, sul divieto di licenziamenti e sui dirigenti.

Giurisprudenza - Corte di Merito 30/12/2021
Il divieto di intimare licenziamenti individuali per giustificato motivo oggettivo non si applica ai dirigenti.


Il mancato versamento dei contributi sindacali.

Giurisprudenza - Corte di Merito 29/12/2021
E’ comportamento antisindacale il trattenere della retribuzione dovuta ai lavoratori i contributi sindacali e non versarli alla rispettiva associazione sindacale.


Il licenziamento per superamento del periodo di comporto e le errate indicazioni dei prospetti di paga sul numero delle assenze per malattia.

Giurisprudenza - Corte di Merito 28/12/2021
In tema di licenziamento per superamento del periodo di comporto, qualora dai prospetti di paga risulti un numero di giornate di malattia inferiore a quello reale, senza che il datore di lavoro spieghi la ragione, esso deve avvertire il lavoratore ..


I cosiddetti lavoratori eterorganizzati e l’azione dell’art. 28 St. lav., in senso opposto a una precedente decisione.

Giurisprudenza - Corte di Merito 28/12/2021
L’art. 28 St. lav. può essere invocato da una associazione di rappresentanza di lavoratori cosiddetti eterorganizzati, poiché possono godere delle tutele dell’art. 2 del decreto legislativo n. 81 del 2015, compresa quella contro ..


I volontari in ferma prefissata e il trasferimento per l’assolvimento degli obblighi di genitore.

Giurisprudenza - Giurisprudenza Amministrativa 27/12/2021
L’art. 42 bis del decreto legislativo n. 151 del 2001 e il relativo trasferimento per l’assolvimento degli obblighi del genitore si applica ai volontari in ferma prefissate delle Forze armate.


Una conferma dei provvedimenti di sospensione dei sanitari renitenti alla vaccinazione.

Giurisprudenza - Giurisprudenza Amministrativa 27/12/2021
Non deve essere sospeso il provvedimento di sospensione del medico che rifiuti la vaccinazione.


Il giudizio di impugnazione del licenziamento e la controversia sull’illegittima attuazione dell’ordine di reintegrazione.

Giurisprudenza - Corte di Cassazione 24/12/2021
La verifica dell’attuazione dell’ordine giudiziale di reintegrazione sfugge al possibile oggetto del giudizio di impugnazione del licenziamento, in particolare nel regime dell’art. 1, comma quarantaseiesimo ss., della legge n. 92 del ..


La vigilanza privata e la trasferta.

Giurisprudenza - Corte di Cassazione 24/12/2021
Per un addetto alla vigilanza privata e, comunque, per chi operi fuori da un luogo prestabilito e, cioè, da una struttura del datore di lavoro, non costituisce trasferta lo spostamento dalla residenza; qualora il contratto individuale indichi come ..


Il vigile del fuoco discontinuo e la reperibilità.

Giurisprudenza - Corte di Giustizia 23/12/2021
L’art. 2, punto 1, della direttiva 2003 / 88 / Ce del Parlamento europeo e del Consiglio del 4 novembre 2003, concernente taluni aspetti dell’organizzazione dell’orario di lavoro, deve essere interpretato nel senso per cui un periodo di ..


Ancora sulla legittimità dell’obbligo di vaccinazione degli operatori sanitari.

Giurisprudenza - Giurisprudenza Amministrativa 23/12/2021
E’ legittima l’imposizione di un obbligo di vaccinazione agli operatori sanitari.


La pretesa inesistenza del contratto a tempo determinato stipulato a voce.

Giurisprudenza - Corte di Cassazione 22/12/2021
Il contratto a termine stipulato a voce è inesistente, ancora prima che invalido.


Il lavoro pubblico e la perdita di chance.

Giurisprudenza - Corte di Cassazione 22/12/2021
Nel rapporto di pubblico impiego contrattualizzato e in tema di selezione tra più candidati, l’azione di chi, non potendo più ottenere il posto per fatti impeditivi sopravvenuti (nel caso di specie, collocamento a riposo), chieda ..


Il certificato verde, i concorsi pubblici e il sistema telematico.

Giurisprudenza - Giurisprudenza Amministrativa 21/12/2021
Non può essere escluso dalla procedura di selezione per l’ammissione ai corsi di medicina il candidato che presenti il certificato verde per il solo, mancato riconoscimento della stessa certificazione da parte del sistema telematico.


L’autorizzazione all’accesso agli spazi aeroportuali.

Giurisprudenza - Giurisprudenza Amministrativa 21/12/2021
Poiché la disciplina comunitaria prevede che l’autorizzazione ad accedere agli spazi aeroportuali possa essere negata solo in presenza di precedenti penali (Regolamento di esecuzione UE 2015 / 1998), sono illegittimi gli atti nazionali basati ..


Il lavoro pubblico e il termine di decadenza.

Giurisprudenza - Corte di Cassazione 20/12/2021
Al rapporto di lavoro pubblico privatizzato si applica la decadenza dell’art. 6 della legge n. 604 del 1966 in tema di impugnazione del licenziamento.


La motivazione degli atti di un concorso universitario.

Giurisprudenza - Giurisprudenza Amministrativa 20/12/2021
In un concorso universitario, è legittima la valutazione delle pubblicazioni espressa con parole sintetiche, ma chiare come ottimo o buono, che indicano una graduazione nei giudizi.


Un caso singolare di assenza durante le fasce di reperibilità.

Giurisprudenza - Corte di Cassazione 18/12/2021
Qualora il lavoratore in malattia sia assente alla visita domiciliare perché l’Inps si reca a un indirizzo diverso da quello indicato, è irrilevante il fatto che la residenza fosse stata comunicata al solo Inps e non al datore di ..


Il licenziamento, il cosiddetto aliunde perceptum e le indennità previdenziali.

Giurisprudenza - Corte di Cassazione 18/12/2021
Le indennità previdenziali non possono essere detratte dalle somme cui il datore di lavoro è stato condannato a titolo di risarcimento dei danni in favore del lavoratore, in quanto queste non sono acquisite in via definitiva dal lavoratore e ..


Pagine: 1  2  3  4  5  6  7  8  9  10  11  12  13  14  15  16   17   18   19   20   21   22   23   24   25   26   27   28   29   30   31   32   33   34   35   36   37   38   39   40   41   42   43   44   45   46   47   48   49   50