manuale_insolvenza

home / Contenuti correlati

ARTICOLI su: licenziamenti collettivi

ALTRI CONTENUTI su: licenziamenti collettivi

» L’impugnazione dei licenziamenti collettivi dopo la legge n. 183 del 2010 e prima della legge n. 92 del 2012.

» Ancora sull’art. 18 St. lav. e la mancanza di corrispondenza al vero dell’atto di apertura di una procedura di licenziamenti collettivi.

» I licenziamenti collettivi e una importante interpretazione di una disposizione di scarsa applicazione giudiziale, sulla tutela dell’occupazione femminile.

» I licenziamenti collettivi, i criteri di scelta e le mansioni attribuite in modo illegittimo.

» I criteri di scelta e la loro applicazione solo in alcune unità produttive

» Ancora sulla determinazione dell’ambito di comparazione e le precedenti attività lavorative.

» La successione di due appaltatori e i licenziamenti collettivi.

» Ancora una volta sui criteri di scelta e sulla loro applicazione solo in alcune unità produttive.

» I licenziamenti collettivi e la prospettazione di ipotesi di trasferimenti nell’atto di apertura della procedura di mobilità.

» Sulla determinazione dell’ambito di comparazione nei licenziamenti collettivi in caso di codatorialità.

» Una sentenza non condivisibile sul nesso fra licenziamenti collettivi e trasferimento di azienda.

» Una non condivisibile ordinanza sui licenziamenti collettivi.

» Una fondamentale decisione sulla valutazione dei punteggi pensati per la graduatoria in tema di criteri di scelta.

» I licenziamenti collettivi, la comunicazione dell’art. 4 di conclusione della procedura e la motivazione del licenziamento.

» Il licenziamenti collettivi, il contratto a tutele crescenti, il diritto europeo e una sentenza non persuasiva.

» Sempre sull’esecuzione dell’ordine di reintegrazione e la frode alla legge.

» Ancora sui licenziamenti collettivi e sul termine di decadenza per la loro impugnazione.

» I licenziamenti collettivi, il regime sanzionatorio e la completa omissione della procedura.

» Di nuovo sui licenziamenti collettivi e sulla selezione dell’ambito comparativo.

» I presupposti per la configurabilità di licenziamenti collettivi e le procedure dell’art. 7 della legge n. 604 del 1966.

» Il cambio dell’appaltatore, la rifuzione della retribuzione e i licenziamenti collettivi.

» I licenziamenti collettivi, i destinatari della comunicazione di apertura della procedura e la ripartizione dell’onere della prova.

» L’effettivo pregiudizio come presupposto dell’azione per violazione dei criteri di scelta nei licenziamenti collettivi e l’illegittima delimitazione dell’ambito di comparazione.

» L’effettivo pregiudizio come presupposto dell’azione per violazione dei criteri di scelta nei licenziamenti collettivi e l’illegittima delimitazione dell’ambito di comparazione.

» I licenziamenti collettivi e il criterio delle esigenze organizzative

» I licenziamenti collettivi, l’esistenza di più stabilimenti, l’atto di apertura della procedura e la mancata indicazione delle ragioni dell’impossibilità di comparare tutti i lavoratori.

» Ancora sui licenziamenti collettivi e sui successivi recessi per giustificato motivo oggettivo.

» Sempre sul cambio dell’appaltatore e sui licenziamenti collettivi, in modo non condivisibile.

» Ancora una volta sull’applicazione dell’art. 4, nono comma, della legge n. 223 del 1991 anche nel caso di cessazione dell’attività.

» Ancora sull’esatta identificazione del metodo di definizione dell’ambito di comparazione nei licenziamenti collettivi.

» I licenziamenti collettivi e la struttura dei criteri di scelta.

ARTICOLI di ALTRE RIVISTE in cui si tratta: licenziamenti collettivi