newsletter

home / Contenuti correlati

ARTICOLI su: licenziamento per giustificato motivo oggettivo

ALTRI CONTENUTI su: licenziamento per giustificato motivo oggettivo

» Ancora rilevanti precisazioni sul ripescaggio.

» Il licenziamento per giustificato motivo oggettivo, i criteri di scelta e un legittimo comando.

» L’art. 18 St. lav. e il licenziamento per giustificato motivo oggettivo.

» L’art. 18 St. lav. e il licenziamento per giustificato motivo oggettivo.

» Il licenziamento per giustificato motivo oggettivo, l’obbligo di ripescaggio e l’assunzione di un dipendente con mansioni in apparenza simili.

» Ancora sul ripescaggio e sul sistema sanzionatorio dell’art. 18 St. lav..

» Sempre sul ripescaggio nel licenziamento per giustificato motivo oggettivo.

» Il licenziamento per la sopravvenuta impossibilità giuridica dello svolgimento delle mansioni originarie.

» Sempre sul licenziamento per la sopravvenuta impossibilità giuridica dello svolgimento delle mansioni originarie.

» Un caso singolare di motivazione incoerente del licenziamento per giustificato motivo oggettivo.

» I licenziamenti collettivi e i successivi recessi per giustificato motivo oggettivo.

» Il licenziamento per giustificato motivo oggettivo, il ripescaggio e il libero interrogatorio.

» La pretesa illegittimità costituzionale dell’art. 18, settimo comma, St. lav..

» Ancora una volta sulla legittimità del licenziamento dovuto al contenimento dei costi.

» Una decisione non condivisibile sulla quantificazione dell’indennità prevista in tema di licenziamento per giustificato motivo oggettivo nel rapporto a tutele crescenti.

» I licenziamenti per giustificato motivo oggettivo, il tentativo obbligatorio di conciliazione e il termine di sette giorni a disposizione dell’Ispettorato territoriale del lavoro.

» Ancora sul licenziamento per giustificato motivo oggettivo, sull’art. 18 St. lav. e sulla violazione dei criteri di scelta.

» Il calcolo del limite massimo dei licenziamenti individuali nel lasso di tempo prefissato.

» Il licenziamento per giustificato motivo oggettivo, il ripescaggio e il prospective overruling.

» Il licenziamento per giustificato motivo di una impresa di somministrazione.

» I limiti al ripescaggio in mansioni inferiori.

» Il ricevimento dell’atto e il divieto di licenziamento.

» Il licenziamento per giustificato motivo oggettivo, i criteri di scelta, la determinazione dell’ambito di comparazione e le ultime mansioni espletate.

» Il divieto di licenziamento e quello per sopravvenuta inidineità alle mansioni.

» Una discutibile decisione sul divieto di licenziamento e sul patto di prova nullo.

» Il licenziamento per giustificato motivo oggettivo e la manifesta insussistenza del fatto.

» L’art. 18 St. lav. e il licenziamento per giustificato motivo oggettivo.

» Il ripescaggio, le allegazioni del lavoratore e l’area geografica in cui deve avere luogo il ripescaggio.

» Il licenziamento per giustificato motivo oggettivo, l’epidemia, il divieto e la successione di più appaltatori.

» Il ripescaggio e il decorso di sei mesi.

» Il licenziamento per giustificato motivo oggettivo e la “manifesta” infondatezza.

Giappichelli consiglia

Il licenziamento per giustificato motivo oggettivo