manuale_insolvenza

home / NovitÓ / Giurisprudenza / Corte di Cassazione / La sostituzione di un ..

21/09/2022
La sostituzione di un dirigente medico del Servizio sanitario nazionale


argomento: Giurisprudenza - Corte di Cassazione

In tema di lavoro pubblico, la sostituzione nell'incarico di dirigente medico del Servizio sanitario nazionale, ai sensi dell'art. 18 del contratto collettivo nazionale di lavoro per i dirigenti medici e veterinari dell'8 giugno 2000, non si configura come svolgimento di mansioni superiori, poiché avviene nell'ambito del ruolo e livello unico della dirigenza sanitaria, così che non trova applicazione l'art. 2103 cod. civ. e al sostituto non spetta il trattamento accessorio del sostituito, ma solo la prevista indennità cosiddetta sostitutiva, senza che rilevi, in senso contrario, la prosecuzione dell'incarico oltre il termine di sei mesi (o di dodici se prorogato) per l'espletamento della procedura per la copertura del posto vacante, dovendosi considerare adeguatamente remunerativa l'indennità sostitutiva specificamente prevista dalla disciplina collettiva e, quindi, inapplicabile l'art. 36 cost..

» visualizza: il documento (Cass. 13 settembre 2022, n. 26936, ord.. ) scarica file

Articoli Correlati: dirigente medico - Servizio Sanitario Nazionale - sostituzione


COMMENTO

V. Cass. 19 aprile 2017, n. 9879, pubblicata su questo Sito. Si rinvia al relativo commento. Il precedente è analogo a quello della sentenza Cass. 3 agosto 2015, n. 16299, non a caso citato in motivazione. Il ragionamento dà applicazione al caso specifico dei principi della Suprema [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio



indietro