manuale_insolvenza

home / Novità / Giurisprudenza / Corte di Cassazione / Ancora sulla ripartizione ..

15/09/2022
Ancora sulla ripartizione dell’onere della prova sul licenziamento orale.


argomento: Giurisprudenza - Corte di Cassazione

Il lavoratore che impugni il licenziamento allegandone l’intimazione senza l’osservanza della forma scritta ha l’onere di provare che la risoluzione del rapporto può essere ascritta alla volontà del datore di lavoro, seppure manifestata con comportamenti concludenti, poiché non basta la prova della mera cessazione della prestazione lavorativa; qualora l’impresa eccepisca il fatto che il lavoratore abbia rassegnato le dimissioni e, all’esito dell’istruttoria, perduri l’incertezza probatoria, la domanda deve essere respinta in applicazione della regola residuale dell’art. 2697 cod. civ. (principio di diritto desunto dalla motivazione).

» visualizza: il documento (Cass. 7 settembre 2022, n. 26407. ) scarica file

Articoli Correlati: onere della prova - licenziamento orale - forma scritta


COMMENTO

V. Cass. 18 maggio 2022, n. 16013, ord.; Cass. 8 febbraio 2019, n. 3822; Cass. 9 luglio 2019, n. 18402, pubblicate su questo Sito. Si rinvia ai relativi commenti.

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio



indietro