newsletter

home / NovitÓ / Giurisprudenza / Corte di Cassazione / Le indicazioni del contratto ..

11/04/2020
Le indicazioni del contratto nazionale e la nozione di giusta causa.


argomento: Giurisprudenza - Corte di Cassazione

In tema di licenziamento disciplinare, rientra nell'attività sussuntiva e valutativa del giudice di merito la verifica della sussistenza della giusta causa, con riferimento alla violazione dei parametri posti dal codice disciplinare del contratto collettivo nazionale, le cui previsioni, anche quando la condotta del lavoratore sia in astratto corrispondente alla fattispecie tipizzata, non sono vincolanti per il giudice, poiché la scala valoriale ivi recepita deve costituire uno dei parametri cui fare riferimento per riempire di contenuto la clausola generale dell'art. 2119 cod. civ., attraverso un accertamento in concreto della proporzionalità tra sanzione e infrazione sotto i profili oggettivo e soggettivo. Nella specie, nonostante il contratto collettivo facesse riferimento ai fini del licenziamento per giusta causa a un diverbio, seguìto da vie di fatto, con turbamento della vita aziendale, anche in carenza di tale ultimo aspetto, il giudice di merito si sarebbe dovuto interrogare sull’oggettiva gravità del licenziamento.

» visualizza: il documento (Cass. 27 marzo 2020, n. 7567) scarica file

Articoli Correlati: licenziamento disciplinare - contratto collettivo nazionale - licenziamento per giusta causa


COMMENTO

Il principio è noto (v. Cass. 16 aprile 2018, n. 9396) e si conferma la tesi per cui il giudice di merito deve valutare la gravità del comportamento sebbene non corrisponda in pieno alle indicazioni del contratto collettivo.

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio



indietro