home / Archivio / Fascicolo / La disabilità tra diritto del lavoro e assistenza sociale. Ipotesi di contaminazione tra i ..

indietro stampa articolo indice fascicolo leggi articolo leggi fascicolo


La disabilità tra diritto del lavoro e assistenza sociale. Ipotesi di contaminazione tra i due profili

Ilaria Bresciani. Dottore di ricerca nell’Università Politecnica delle Marche

Partendo dal rapporto tra il diritto all’assistenza sociale e il diritto al lavoro per le persone con disabilità, entrambi contenuti nell’art. 38 Cost., il contributo esamina i momenti di contaminazione tra i due profili e rileva come gli interventi legislativi adottati a favore dei soggetti disabili nella prospettiva della realizzazione del loro diritto all’avviamento professionale perseguono, in parte, una funzione di carattere assistenziale, con il conseguente superamento della rigida distinzione che emerge dal disegno costituzionale in cui i diritti rimangono su piani separati e ove il discrimine è costituito dal possesso o meno di una qualche capacità lavorativa.

PAROLE CHIAVE: disabilità - diritto al lavoro - assistenza sociale

Disability between labor law and social assistance. Contamination between the two profiles

Starting from the relationship between the right to social assistance and the right to work for people with disabilities, both contained in art. 38 of the Constitution, the contribution examines the moments of contamination between the two profiles and points out how the legislative interventions adopted in favor of disabled subjects in view of the realization of their right to work pursue, in part, a function of social assistance, overcoming the rigid distinction that emerges from the constitutional design in which the rights remain on separate levels and where the distinction is constituted by the possession of some working capacity.

Keywords: disability – right to work – social assistance

Sommario:

1. Il collocamento mirato e il perseguimento di finalità di natura assistenziale - 2. Le politiche attive regionali: la 'Dote Lavoro' in Lombardia - 3. Il ruolo delle cooperative sociali per l'inserimento lavorativo dei disabili più gravi e i limiti del loro coinvolgimento - 4. Le prestazioni assistenziali e le nuove misure di sostegno al reddito - 5. Il problema dei diritti sociali “condizionati” - NOTE


1. Il collocamento mirato e il perseguimento di finalità di natura assistenziale

L’art. 38 Cost. contiene l’insieme delle tutele specifiche previste a favore delle persone con disabilità [1]. Mentre le prestazioni riconducibili al diritto al­l’assistenza sociale sono rivolte a tutti coloro che si trovano in condizione di indigenza e inabilità al lavoro, coloro che conservano una capacità lavorativa residua hanno diritto a che lo Stato si impegni ad adottare i provvedimenti necessari e opportuni per il loro inserimento nel mondo del lavoro [2]. In questa ottica, il diritto all’assistenza sociale si pone quale norma di chiusura, quale misura di carattere residuale per l’ipotesi in cui sia accertato che la persona con disabilità difetti di una qualche capacità lavorativa. Se questo è il disegno espresso dalla norma costituzionale, occorre rilevare che di fatto i provvedimenti legislativi emanati per dare attuazione al diritto al lavoro delle persone disabili hanno perseguito (e ancora perseguono), in parte, una funzione di carattere assistenziale [3], con il conseguente superamento della rigida distinzione che emerge dal disegno costituzionale in cui i diritti rimangono su piani separati, ove il discrimine è costituito dal possesso o meno di una qualche capacità lavorativa [4]. Ciò dipende sia dal fatto che i destinatari dei provvedimenti normativi sono persone che per la particolare situazione di debolezza sociale in cui versano non [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


2. Le politiche attive regionali: la 'Dote Lavoro' in Lombardia

A latere degli aiuti concessi dallo Stato vi sono quelli eventualmente previsti dalle Regioni attraverso l’adozione di misure di politica attiva volte a favorire l’efficacia della disciplina sul collocamento mirato a livello territoriale. In particolare, il sistema dotale della Regione Lombardia prevede l’eroga­zione di aiuti economici sia a favore delle persone con disabilità che delle imprese che gli assumono. Grazie all’iniziativa c.d. Dote Lavoro-Persone con disabilità [18], si realizza un coinvolgimento attivo del soggetto nel suo processo di inserimento lavorativo. Il meccanismo ricalca quello previsto dalla più generale misura della Dote Lavoro, di cui costituisce una species [19]. In particolare, il soggetto interessato deve presentare una richiesta di attivazione della dote, a cui segue la verifica da parte del soggetto accreditato circa la sussistenza dei requisiti necessari, e, infine, l’erogazione delle somme in proporzione ai servizi forniti dagli stessi soggetti accreditati. La Dote è predeterminata dalla Regione con riguardo alla durata e all’ammontare del finanziamento, ma viene erogata dai c.d. soggetti accreditati, operatori pubblici e privati, in possesso di determinati requisiti, autorizzati dalla Regione stessa, ai sensi della legge reg. n. 22/2006 [20]. Tali soggetti svolgono un ruolo centrale. Il soggetto interessato può scegliere tra i vari operatori [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


3. Il ruolo delle cooperative sociali per l'inserimento lavorativo dei disabili più gravi e i limiti del loro coinvolgimento

Altre accuse mosse alla legge n. 68/1999 di non aver affatto abbandonato quella concezione assistenzialistica dei suoi precedenti normativi, derivano dal fatto che essa ha esteso l’ambito di applicazione fino a ricomprendere anche le persone in condizioni di maggiore gravità (peraltro, mantenendo, e anzi aumentando, la forbice degli esclusi in presenza di patologie meno gravi), con la conseguenza che, in linea teorica, stando alla lettera dell’art. 1, comma 1, anche un soggetto affetto da una disabilità molto grave, finanche privo di una residua capacità lavorativa, potrebbe chiedere l’iscrizione nelle liste di collocamento e confidare ed aspettarsi, prima o poi, di essere inviato a occupare un posto di lavoro [28]. Come si è detto, l’art. 38 Cost. impone di distinguere tra coloro che possiedono ancora una capacità lavorativa e coloro che ne sono sprovvisti. Al contrario la formulazione dell’art. 1, comma 1, legge n. 68/1999 rende quest’ulti­ma, in astratto, applicabile anche a individui privi di una residua capacità lavorativa. Già il possesso di una disabilità grave rende, in concreto, difficile l’inser­mento presso un datore di lavoro ordinario. Inoltre, l’introduzione generalizzata, ad opera del d.lgs. n. 151/2015, del sistema di chiamata c.d. nominativa, quale modalità di assunzione che consente al datore di lavoro di scegliere il lavoratore da [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


4. Le prestazioni assistenziali e le nuove misure di sostegno al reddito

Le forme universalistiche di tutela sociale dei disabili riguardano sia gli inabili al lavoro, ovvero i soggetti menzionati dall’art. 38, comma 1, Cost., sia coloro che pur possedendo una residua capacità lavorativa non hanno trovato una collocazione lavorativa, ovvero i soggetti a cui si rivolge l’art. 38, comma 3, Cost., al fine di garantire anche a questi ultimi un reddito qualora non abbiano potuto reperire un’occupazione che ne consenta il mantenimento. Tali prestazioni assistenziali sono previste, rispettivamente agli artt. 12 e 13 della legge n. 118/1971. Si tratta della pensione di inabilità, che spetta ai mutilati e invalidi civili in età lavorativa nei cui confronti sia stata accertata una totale inabilità al lavoro, e dell’assegno mensile di invalidità che spetta ai mutilati e invalidi civili in età lavorativa nei cui confronti sia stata accertata una riduzione della capacità lavorativa pari o superiore al 74 per cento [38]. L’erogazione delle prestazioni è subordinata a requisiti di cittadinanza e reddituali, mentre non è richiesto che la persona disabile risulti iscritta alle liste per il collocamento mirato ai sensi della legge n. 68/1999, in quanto è sufficiente una mera autocertificazione del non svolgimento di un’attività lavorativa [39]. L’approntamento di una misura di assistenza sociale a favore delle persone con [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


5. Il problema dei diritti sociali “condizionati”

La tutela della persona disabile si articola nella predisposizione di misure sia di assistenza sociale, sia di diritto del lavoro, ma la logica separatrice del complessivo disegno costituzionale non può funzionare di fronte alla sostanziale ineffettività del sistema di collocamento mirato; quest’ultimo dato, unito alla mancanza, salvo alcune eccezioni, di politiche attive davvero “mirate”, rischia di continuare ad appesantire il carico dell’assistenza sociale. Nonostante la legge n. 68/1999 abbia prodotto dei risultati piuttosto scarsi, la recente riforma di cui al d.lgs. n. 151/2015 ha confermato un disegno basato sul potere imperativo della pubblica amministrazione, che continua a trovare giustificazione nella condizione di debolezza oggettiva delle persone con disabilità che aspirano a entrare nel mondo del lavoro [40]. Tuttavia, occorre precisare che oggi, a seguito della generalizzazione della c.d. richiesta nominativa, i veri protagonisti del collocamento dei disabili sono soprattutto i datori di lavoro obbligati all’assunzione. La conferma e il rafforzamento (ad opera del d.lgs. n. 150/2015) della struttura pubblica a presidio della realizzazione del collocamento lavorativo delle persone con disabilità assume le vesti di un sistema di protezione sociale del lavoratore svantaggiato e compensa lo spazio di libertà e flessibilità concesso alle imprese [41]. Ciò non toglie che le [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


NOTE

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


  • Giappichelli Social