perulli_sub

Archivio Rivista

Consulta l’archivio che raccoglie i fascicoli pubblicati suddivisi per anno.

Norme di autodisciplina

Come inoltrare i contributi alla rivista.

Valutazione articoli

Giudizio di idoneità alla pubblicazione.

home / Novità / Giurisprudenza / Corte di Cassazione / L’opposizione a ordinanza – ..

19/02/2021
L’opposizione a ordinanza – ingiunzione, il relativo giudizio, le questioni in materia di “lavoro” e la sospensione feriale dei termini.


argomento: Giurisprudenza - Corte di Cassazione

Nel regime introdotto dall’art. 6 del decreto legislativo n. 150 del 2011, alle controversie, regolate dal processo del lavoro, di opposizione a ordinanza – ingiunzione che abbiano a oggetto violazioni concernenti le disposizioni in materia di tutela del lavoro, di igiene sui luoghi di lavoro e di prevenzione degli infortuni sul lavoro e di previdenza e assistenza obbligatorie, diverse da quelle consistenti nell’omissione totale o parziale di contributi e da cui derivi una omissione contributiva, si applica la sospensione dei termini processuali nel periodo feriale, poiché non rientrano tra quelle indicate dagli artt. 409 e 442 cod. proc. civ.. Pertanto, ai fini della tempestività dell’impugnazione avverso la sentenza resa in tema di opposizione a ordinanza ingiunzione del pagamento di una sanzione amministrativa per violazioni inerenti al rapporto di lavoro o a quello previdenziale, si deve tenere conto di tale sospensione (principio di diritto enunciato in motivazione).

» visualizza: il documento (Cass., sez. un., 29 gennaio 2021, n. 2145. ) scarica file

PAROLE CHIAVE: ordinanza - ingiunzione - opposizione - sospensione dei termini


COMMENTO

L’importanza applicativa  della decisione giustifica lo sconfinamento nel diritto processuale civile.

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio



indietro

  • Giappichelli Social