mandrioli-M

home / Archivio / Fascicolo / Diritto del lavoro e (in)felicità tra eudemonismo e garantismo

indietro stampa articolo indice fascicolo leggi articolo leggi fascicolo


Diritto del lavoro e (in)felicità tra eudemonismo e garantismo

Antonello Olivieri, Professore associato di Diritto del lavoro, Università di Foggia

LA. analizza il controverso rapporto tra diritto del lavoro e felicità interrogandosi, in primo luogo, sulla metamorfosi che il concetto di lavoro ha subìto nel corso della storia. Attraverso la lente dei valori costituzionali, lA. analizza la dimensione eudemonistica nel rapporto e nel mercato alla luce del crescente ridimensionamento dello statuto protettivo del lavoratore e dellaggravarsi del fenomeno occupazionale che ha ampliato la platea dei destinatari della multiforme famiglia di sussidi contro la disoccupazione.

 

Labour law and (un)happiness between eudemonism and protection of the right

The A. analyzes the controversial relationship between labour law and happiness questioning, first, the metamorphosis that the concept of work has undergone throughout history. Through the lens of constitutional values, the A. questions the relevance of the eudemonistic dimension in the relationship and in the market in the light of the increasing downsizing of the protective status of the worker and the worsening of the employment phenomenon that has widened the audience of the recipients of the multiform family of unemployment benefits.

Keywords: Happiness – Labour law – Constitution – Poverty – Market.

 

“… e saremo felici …”

(Platone, Repubblica, 621 d)

Sommario:

1. Premessa - 2. FelicitÓ, lavoro e modernitÓ giuridica - 3. La felicitÓ alla ricerca di una Costituzione - 4. La felicitÓ presa sul serio - 5. (In)felicitÓ e incertezza nel rapporto - 6. Il bisogno di felicitÓ nel mercato - NOTE


1. Premessa

Tema insidioso e affascinante, la felicità [1]. Caratteristica intrinseca della natura umana, stato dell’anima [2]. Non può essere descritta [3], almeno compiutamente, né prescritta. Nessun legislatore è in grado di decidere cosa renderà felici i cittadini [4], ma il diritto [5], in particolare il diritto del lavoro, può almeno artificialmente crearla ovvero porre le condizioni per il suo perseguimento? Sul piano del metodo, si avverte l’esigenza di una precisazione preliminare. Nell’àmbito di una relazione qualitativa con il lemma lavoro, in una sorta di ardita metonimia, considererò la (in)felicità allo stesso tempo come oggetto e sog­getto, ma soprattutto come causa ed effetto (causa aequat effectum). La (in)fe­licità si presenta, infatti, quale forza propulsiva di un ordine giuridico che aveva perso ogni fondamento, negato la persona e la libera spontaneità della vita durante gli anni cupi del fascismo, ora quale esito delle previsioni costituzionali, della loro feconda riscoperta del pluralismo e dell’intima socialità del diritto come risposta agli incommoda derivanti dalla rovinosa sciagura bellica. Non si tratta, evidentemente, di un espediente retorico, ma più semplicemente del modo di essere di due momenti della nostra esistenza che si compenetrano nel gioco dialettico della vita alla quale il diritto intende [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


2. FelicitÓ, lavoro e modernitÓ giuridica

La felicità, nello struggente, se non tragico, rapporto con il diritto del lavoro, può essere collocata sub specie temporis, non per tracciarne una infeconda linea temporale, per costruire semplicemente un antefatto, ma proprio per evidenziare una storia di mutamenti che è storia concreta e complessa. Tra Otto e Novecento si squaderna uno scenario privilegiato per misurare la (in)felicità, oltre gli specifici interessi della borghesia, all’interno di trasformazioni sociali che hanno il chiaro scopo di ridisegnare il paesaggio giuridico [24] fino ad allora avvolto da un conservatorismo e un’avversione per i vincoli eteronomi. Prima del fiorire di questa vita nova, la relazione giuridica era – nella tradizione del codice napoleonico – mera cornice dell’affresco disegnato dall’auto­nomia privata; la società era ramificata nei rapporti di scambio tra cittadini-proprietari in una prospettiva che esaltava ad libitum gli automatismi delle leggi economiche. Il lavoro, pertanto, espressione del diritto di proprietà, si confondeva nelle trame mercificatorie di un individualismo spietato, comunque garantito dal laissez faire statuale. Nell’orizzonte della modernità, l’idea di un diritto in grado di regolamentare un aspetto così importante della vita umana cominciava a germogliare con le prime leggi sociali anche se si presentava come un diritto prettamente paternalistico, [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


3. La felicitÓ alla ricerca di una Costituzione

Quel percorso di prima apertura verso le politiche eudemonistiche [42] imboccò altri sentieri con l’avvento del periodo dittatoriale [43], la grande depressione e il secondo conflitto mondiale che di lì a qualche anno avrebbe coinvolto sciaguratamente anche il nostro Paese. La dimensione della socialità del diritto e quel corporativismo pluralista richiamati nella prolusione di Mossa del 1922 [44] verranno giustiziati [45]; era rimasto ben poco di quegli ideali dopo l’e­manazione delle “leggi fascistissime” [46]. Un’oscillazione dopo l’altra, il grafico disegnato dal pennino del sismografo, che registra i movimenti sismici sulla carta del paesaggio giuridico, evidenziava continue scosse e un consolidato mutamento dopo le onde telluriche del regime fascista. Un Paese distrutto e lacerato individuava proprio nel lavoro l’elemento unificante di solidarietà [47] e di stabilizzazione, post-positivistica, anche da un punto di vista morale [48]. Ancóra una volta, seppur in termini differenti rispetto alla modernità giuridica, fu la (in)felicità a fornire la forza per affermare le peculiarità, le esigenze, i desideri di una società che necessitava di un’idea regolativa, di solida speranza pratica, di riforme in tutte le sfere della vita, di un diritto dopo la catastrofe. E «la indicazione che la catastrofe dà, è [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


4. La felicitÓ presa sul serio

Il lavoro rappresentava l’ideale germinale da cui nasceva la Costituzione, il fluire di una narrazione in grado di disegnare mappe in cui la complessità diventava intelligibile. Una mappa ben distesa agli occhi degli interpreti e dei destinatari. Non che il periodo post-costituzionale avesse realizzato immediatamente il trionfo del reale sulle intenzioni. Tra la realtà e le parole vi è sempre stato uno iato [82]. È nello scarto tra il desiderio nutrito e le possibilità di realizzarlo che si staglia lo spazio dell’infelicità. Orbene, la Costituzione s’inscrive in un’orbita di «assoluta coincidenza del diritto con la vita» [83]. I Costituenti hanno proiettato il valore normativo dei loro ideali antropologici indicandoli come mete strategiche universalmente riconosciute, utilizzando anche un diverso linguaggio giuridico rispetto al passato. Un linguaggio descrittivo con funzione prescrittiva. Ora, tra il significante e il significato c’è un rapporto convenzionale che dipende dalla soggettività di chi esprime la comparazione. La Costituzione nella sua circolarità è insieme un segno, un indice e un simbolo, in generale qualcosa che rinvia a qualcos’altro. Come il significato di una parola rinvia ad altri lemmi. Com’è noto, «un testo vuole che qualcuno lo aiuti a funzionare» [84] anche se si è condizionati da un [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


5. (In)felicitÓ e incertezza nel rapporto

Se vi è un rapporto simmetrico tra felicità e lavoro (decente) è possibile affermare altresì che tra non lavoro, lavoro precario tout court e infelicità vi sia il medesimo intimo legame. Senza addentrarsi in inutili e faticose cavalcate storiche, né sconfinando nei territori percorsi da altri autori del presente volume, appaiono comunque opportune alcune riflessioni funzionali rispetto al­l’oggetto della presenta indagine. Orbene, la felicità lavoristica è calata all’interno dei correttivi posti dalla norma inderogabile per fini protettivi rispetto a situazioni di squilibrio che nascono dalla natura imperfetta del mercato [121]. Senonché, com’è noto, «il diritto del lavoro […] non ha potuto godersi a lungo e in pace la maturità faticosamente raggiunta» [122]. Il diritto del lavoro s’è sviluppato secondo una natura personale del rapporto tendente al potenziamento delle garanzie giuridiche contro l’imprendito­re [123]. La trasformazione del sistema produttivo e l’evoluzione del mercato del lavoro, già a partire dalla fine degli anni Settanta, mutarono profondamente gli aspetti peculiari che avevano caratterizzato la precedente fase storica [124]: non più solo disciplina di tutela del lavoratore, ma strumento di politica economica per arginare gli effetti distorsivi derivanti dal nuovo assetto del [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


6. Il bisogno di felicitÓ nel mercato

Il lavoro appartiene all’uomo sin dalla notte dei tempi, così come la felicità rappresenta un’ambizione umana che scorre, dal medesimo istante, lungo i sentieri della storia. Il diritto del lavoro si è sviluppato all’interno della dimensione eudemonistica sia come affermazione (della persona), sia come negazione (della povertà), come «situazione alternativa» all’indigenza [148]. Invero, nell’accezione contemporanea è venuta meno la duplice equazione novecentesca, id est lavoro uguale felicità, non lavoro uguale infelicità o, almeno, pare che quest’ultima possa in alcuni casi essere intimamente legata proprio all’esistenza di un rapporto di lavoro, così come concepito negli ultimi anni, generatore di quelli che ossimoricamente vengono definiti working poors [149]. Quando vivere del proprio lavoro, a proposito di metonimia, non è più sufficiente per garantirsi un’esistenza libera e dignitosa, «non basta» [150] per offrire un miglioramento delle condizioni di vita. È l’infelicità nonostante il lavoro [151] che amplifica la condizione soggettiva di debolezza [152] e aumenta «le dimensioni della povertà» [153], ora concepita «come dato reale persistente» [154]. In tal senso, le disposizioni costituzionali devono confrontarsi con le trasformazioni [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


NOTE

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio