codici

home / Archivio / Fascicolo / Interesse collettivo transnazionale: accordi di impresa e codici di autoregolamentazione

indietro stampa articolo indice fascicolo leggi articolo leggi fascicolo


Interesse collettivo transnazionale: accordi di impresa e codici di autoregolamentazione

Michele Murgo, Assegnista di ricerca presso Università degli studi di Pavia

Il saggio analizza il modo in cui gli interessi collettivi transnazionali sono presi in considerazione nelle politiche di responsabilità sociale delle imprese multinazionali. A tal fine, viene innanzitutto tracciata una distinzione tra iniziative di RSI unilaterali (segnatamente, codici di autoregolamentazione) e iniziative negoziate (accordi transnazionali). Mentre gli strumenti unilaterali sono predisposti o, in ogni caso, selezionati esclusivamente dal datore, quelli negoziati comportano il coinvolgimento dei sindacati nel processo redazionale, agevolando lorganizzazione dei lavoratori a livello transnazionale. Sul piano giuridico, malgrado lassenza di un quadro normativo generale, è comunque possibile ravvisare un crescente grado di attenzione rispetto agli interessi collettivi transnazionali: nellultima parte sono dunque esaminate alcune delle fonti (di soft e hard law) che hanno recentemente disciplinato la materia in maniera più diretta e specifica.

Transnational collective interest: company agreements and codes of conduct

The essay examines how transnational collective interests are dealt with in multinational corporations’ CSR policies and investigates what kind of social and legal value such policies have. The author draws a distinction within the realm of CSR initiatives between unilateral instruments (especially codes of conduct) and negotiated ones (i.e. transnational company agreements). While the formers are devised or chosen solely by the business, the latter imply the participation of trade unions in the process, thus paving the ground for a more developed form of workers’ organisation. From a legal point of view, despite the lack of a consistent regulatory framework, an increasing attention towards transnational collective interests can be noticed: in this regard, a few pieces of legislation are analysed and discussed.

Keywords: multinational corporations – international collective interest – corporate social responsibility – codes of conduct – transnational company agreements – non-financial statement – duty of care.

Sommario:

1. Imprese multinazionali e interesse collettivo transnazionale - 2. Tipologia, contenuti e limiti dei codici di autoregolamentazione - 3. Dall’interesse collettivo all’organizzazione collettiva: gli accordi transnazionali a livello d’impresa - 4. Interesse collettivo transnazionale e ordinamento giuridico: nuovi percorsi di normazione della RSI - NOTE


1. Imprese multinazionali e interesse collettivo transnazionale

La diffusione su larga scala del modello organizzativo incentrato sull’im­presa multinazionale [1] ha fatto emergere, per contrasto, diversi interessi collettivi di carattere transnazionale. Ci si riferisce segnatamente alla situazione di tutti quei gruppi di soggetti, che, in qualche modo, entrano in contatto con l’at­tività della multinazionale e ne sono variamente influenzati. Il termine “interesse”, volutamente generico, si presta a comprendere posizioni disparate, che variano dal diritto soggettivo in senso stretto alla mera aspettativa di natura morale. Tale interesse è collettivo in quanto comune a una molteplicità di individui, che si rapportano alla multinazionale in maniera omogenea tra loro e distinta da altri. Inoltre, esso è transnazionale perché trascende i confini nazionali, stante il fatto che, per definizione, l’impresa multinazionale opera sul territorio di più Stati. I portatori di questi interessi, detti anche stakeholders [2], non sono identificabili in astratto e a priori, ma devono essere individuati sulla base dell’attivi­tà concretamente svolta dall’impresa e delle ripercussioni di questa. È pur vero, però, che alcune categorie di stakeholders sono più o meno sempre presenti: si pensi ai fornitori, ai clienti, agli investitori, nonché ai lavoratori [3], sui quali, per ovvie ragioni di pertinenza, si [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


2. Tipologia, contenuti e limiti dei codici di autoregolamentazione

Esempio emblematico di iniziative unilaterali è naturalmente il codice di condotta. Prendendo nuovamente in prestito le parole della Commissione, si può affermare che esso consista in una «dichiarazione ufficiale dei valori e delle prassi commerciali di un’impresa e, a volte, dei suoi fornitori. Un codice enuncia norme minime e attesta l’impegno preso dall’impresa di osservarle e di farle osservare dai suoi appaltatori, subappaltatori, fornitori e concessionari …» [10]. All’interno di questa etichetta possono essere ricondotti documenti affatto diversi tra loro per quanto riguarda, tra l’altro, i soggetti che li predispongono, i contenuti e le modalità operative. Sotto il primo profilo citato, si usa distinguere tra codici autonomi, redatti direttamente dall’impresa, e codici eteronomi. Questi ultimi, a loro volta, possono essere elaborati da organizzazioni internazionali, da organismi statali o da enti privati [11]. Le analisi empiriche dimostrano che, nei loro impegni, le im­prese tendono spesso a trascurare molte questioni legate al rapporto con i dipendenti [12], anche se in anni recenti sembra registrarsi una tendenza incoraggiante all’ampliamento del novero degli aspetti considerati [13]. Un’influenza virtuosa in tal senso è stata probabilmente esercitata da alcune tra le più importanti organizzazioni internazionali [14]. Ad esempio, le [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


3. Dall’interesse collettivo all’organizzazione collettiva: gli accordi transnazionali a livello d’impresa

Per porre rimedio ai principali limiti delle iniziative unilaterali [30], le federazioni sindacali internazionali ed europee hanno cominciato a negoziare diretta­mente con le multinazionali standard minimi condivisi. I prodotti di tale forma, ancora embrionale, di contrattazione collettiva transnazionale sono chiamati, secondo la terminologia adottata dalla Commissione europea, transnational company agreements (in prosieguo anche TCA) [31]. Il primo accordo di questo genere è stato concluso nel 1988 dalla multinazionale francese BSN (oggi Danone) con la International Union of Food, Agricultural, Hotel, Restaurant, Catering, Tobacco and Allied Workers’ Association (IUF) [32]; ma è solo intorno agli anni Duemila che il loro numero ha iniziato a crescere con relativa costanza. Attualmente, la banca dati realizzata dalla Commissione europea in collaborazione con l’OIL [33] riporta più di 300 accordi, stipulati da oltre 160 società diverse. Si tratta dunque di una realtà assai meno diffusa di quella dei codici di condotta, ma comunque meritevole di attenzione e in continuo sviluppo. Rispetto alle iniziative unilaterali si registra un maggior grado di uniformità, sebbene il panorama sia comunque piuttosto frammentato. A fini classificatori, si usa distinguere tra accordi internazionali o globali (cd. global frame­work agreements o GFA) e accordi di respiro meramente europeo (detti anche European [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


4. Interesse collettivo transnazionale e ordinamento giuridico: nuovi percorsi di normazione della RSI

Per poter sfruttare al meglio il potenziale della RSI nell’ottica della protezione e valorizzazione degli interessi collettivi transnazionali, bisogna dunque comprendere quale rilievo giuridico possono assumere le iniziative precedentemente analizzate. Pur in mancanza di uno specifico quadro regolativo (fatto salvo quanto si dirà più avanti), la dottrina si interroga da tempo circa l’applicabilità di istituti generali alle fattispecie in questione [52]. Si è così prospettato il ricorso a figure quali la promessa al pubblico ovvero l’uso aziendale per fondare la giustiziabilità degli impegni assunti dall’impresa [53]. Inoltre, il comportamento dell’im­presa che divulghi informazioni relative alla propria performance sociale poi rivelatesi false o ingannevoli potrebbe essere sanzionato per violazione della normativa a tutela della concorrenza e dei consumatori [54]. Con specifico riferimento ai TCA, il carattere bilaterale potrebbe poi far pensare a testi di natura contrattuale e, come tali, fonti di obbligazioni reciproche tra le parti. La questione dovrebbe comunque essere risolta caso per caso, ricostruendo la volontà delle parti in proposito [55]. Senonché, la totale assenza, a quanto consta, di contenzioso giudiziale (o arbitrale [56]) induce a ritenere, quantomeno, che le federazioni sindacali non abbiano intenzione di servirsi degli accordi in questo [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


NOTE

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


  • Giappichelli Social