davi

home / Archivio / Fascicolo / La dignità sociale come fondamento delle democrazie costituzionali

indietro stampa articolo indice fascicolo leggi articolo leggi fascicolo


La dignità sociale come fondamento delle democrazie costituzionali

Adriana Apostoli, Professoressa ordinaria di Diritto costituzionale dell’Università degli Studi di Brescia

Il valore della dignità umana è emerso dal costituzionalismo novecentesco come un principio che trascende la dimensione statuale comprovando la vocazione universale dei diritti umani. Nella Costituzione italiana la dignità è stata ancorata saldamente a una dimensione sociale, attraverso la valorizzazione di un fitto intreccio di principi innovativi fra loro complementari, dall’uguaglianza sostanziale, in connessione con il principio solidarista, sino al principio lavorista, posto a fondamento della stessa democrazia repubblicana. La crisi valoriale del costituzionalismo innescata dalla spinta neoliberista del capitalismo globalizzato, dopo avere paralizzato la costruzione dell’Europa dei diritti, ha fatalmente penetrato anche il nostro ordinamento, frustrando l’ambizione di portare a compimento il programma costituzionale e, con esso, la piena garanzia dei diritti sociali.

Social dignity as a base in constitutional democracy

The value of the human dignity emerged from twentieth-century constitutionalism as a principle that goes beyond national levels, proving the universal vocation of human rights. In the Italian Constitution the dignity is more firmly anchored to a social aspect, through complementary innovative principles from essential equality to solidarity, till labor, founding the republican democracy itself.

The crisis of constitutionalism values triggered by the neoliberal global capitalism, once paralyzed the attempt of a Europe of rights, has penetrated our constitutional law. This crisis further frustrates the ambition to reach the constitutional achievement of social rights effective guarantee, as the inexorable progress of “substantial inequality” between the citizens demonstrates.

Sommario:

1. Il valore della dignità umana nel costituzionalismo contemporaneo - 2. La dimensione sociale della dignità nella Costituzione italiana - 3. L’intreccio tra dignità e principi fondamentali (in primis quello lavorista) nella Carta costituzionale - 4. La crisi costituzionale della dignità sociale - NOTE


1. Il valore della dignità umana nel costituzionalismo contemporaneo

Uno dei tratti distintivi del costituzionalismo democratico del secondo dopoguerra è rappresentato dall’aver posto la dignità umana tra i valori su cui è costruita l’aspirazione universalistica delle posizioni dei singoli [1]. Nel fluire di questa corrente storica, la dignità umana è emersa dagli orrori delle guerre e dei totalitarismi novecenteschi venendo a rappresentare l’emble­ma stesso della vocazione universale dei valori del costituzionalismo. È in quel contesto, infatti, che la dignità è stata massimamente violata e svilita tramite la degradazione dell’uomo a semplice mezzo. Se nel costituzionalismo li­berale l’accento era posto sull’endiadi organizzazione (nel senso di limitazione) del potere e garanzia di libertà individuale, oggi il fulcro e il fine del costituzionalismo diviene la promozione della dignità della persona umana. In altre parole, la dignità umana permette di cogliere «lo spirito e l’essenza dell’intera Costituzione» [2]. È quindi a partire dalla fine della Seconda guerra mondiale che la dignità umana trova la propria dimensione giuridica facendo ingresso, in posizione “superprimaria”, nelle Costituzioni degli ordinamenti statuali, divenendo un «ineludibile denominatore comune» grazie al quale è stato possibile creare «un nuovo statuto della [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


2. La dimensione sociale della dignità nella Costituzione italiana

Nella Costituzione italiana la valorizzazione della dignità umana risiede dunque nell’art. 2, nella parte in cui esso afferma che «la Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo, sia come singolo, sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità». Ciò di cui l’organizzazione statale abbisogna è infatti «una definizione propriamente “sociale” della dignità che possa sostenere e legittimare diritti umani di persone concrete, in condizioni storiche, politiche e sociali date» [9]; altrimenti detto, i Costituenti hanno «specificamente considerato le varie posizioni dell’”uomo situato”» [10]. La «complementarietà tra la dignità e il finalismo della persona e il suo riconosciuto legame sociale» è infatti stringente: è un legame che bilancia i diritti inviolabili con i doveri inderogabili (art. 2), la libertà con l’eguaglianza (art. 3), i diritti civili con quelli politici; principi che sono tutti naturalmente intralciati da «“ostacoli” alla loro realizzazione nella struttura sociale data» e che richiedono il concreto intervento della Repubblica per poter essere effettivamente attuati [11]. L’imprescindibile collegamento nella Costituzione del “48 tra diritti inviolabili dell’uomo, diritti-doveri di solidarietà e [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


3. L’intreccio tra dignità e principi fondamentali (in primis quello lavorista) nella Carta costituzionale

Come già messo in evidenza, il concetto di dignità sociale assume una veste di “cerniera” non solo tra i due commi dell’articolo 3 della Costituzione ma, più ancora, tra le due grandi tradizioni del costituzionalismo (di matrice liberale, l’una, e di matrice democratico-sociale, l’altra) che si incrociano continuamente in seno ai principi fondamentali e all’intera prima parte della Carta costituzionale. Infatti, la pari dignità sociale implica contemporaneamente differenti forme di tutela costituzionale: nell’ambito del primo comma dell’articolo 3, essa tutela anzitutto la pari dignità delle categorie sociali e cioè assicura che nessun ruolo, carica, posizione, “classe” o status dell’individuo possa di per sé giustificare l’attribuzione a quest’ultimo di una superiore importanza all’interno dell’ordinamento giuridico. In secondo luogo, la dignità sociale allude a una dimensione socio-eco­nomica legata indissolubilmente alle radici della nostra peculiare concezione di Welfare state, che permette di conciliare il dualismo persistente nella prima parte della Costituzione all’interno di una visione molto concreta della persona, tanto è vero che due delle tre disposizioni costituzionali che citano espressamente la dignità hanno riguardo ai rapporti economici. Nell’ambito del secondo comma [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


4. La crisi costituzionale della dignità sociale

Come si è cercato di mettere in evidenza, la Carta del ’48 disegna un programma la cui realizzazione richiede un intervento attivo dei pubblici poteri, dal momento che l’effettivo godimento delle libertà e dell’egua­glian­za da parte di tutti i cittadini è subordinato alla rimozione degli ostacoli cui allude il secondo comma dell’articolo 3 della Costituzione. Si pongono così le basi per una macchina statale molto solida, strumentale alla garanzia del «pieno sviluppo della persona umana» e dell’«effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione economica e sociale del lavoro» [49]. La forza precettiva della dignità sociale è oggi sotto attacco, principalmente per effetto delle note implicazioni del neocapitalismo globalizzato. La prospettiva che anima il tempo presente spinge infatti a una ridefinizione dell’ordine sociale che passa, anzitutto, attraverso l’abbandono del principio finalistico affermato dall’articolo 3 della Costituzione. La pari dignità sociale subisce un declassamento tanto nell’interpretazione del suo significato e delle sue implicazioni quanto nell’impegno profuso dagli attori politici per la sua attuazione, arrivando ad essere spesso unicamente intesa quale corollario del principio di eguaglianza. Eppure, proprio alla luce di quella strettissima connessione tra dignità, [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


NOTE

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


  • Giappichelli Social