manuale_insolvenza

home / Novità / Giurisprudenza / Corte di Cassazione

Giurisprudenza - Corte di Cassazione


Gli enti pubblici economici e l’art. 29, secondo comma, del decreto legislativo n. 276 del 2003.

Giurisprudenza - Corte di Cassazione 10/10/2019
Poiché è un ente pubblico economico, all’Azienda lombarda edilizia residenziale di Milano si applica l’art. 29, secondo comma, del decreto n. 276 del 1993, in quanto è diversa dalle pubbliche amministrazione, svolgendo ..


Il reato di mancato versamento delle ritenute assistenziali e previdenziali e la successiva ammissione della società datrice di lavoro alla procedura di concordato preventivo.

Giurisprudenza - Corte di Cassazione 09/10/2019
Qualora sia avviata una procedura di concordato preventivo dopo il momento nel quale l’amministratore di una società avrebbe dovuto versare le ritenute assistenziali e previdenziali operate sulle retribuzioni versate ai lavoratori, il reato ..


I contratti di somministrazione di lavoro, la loro impugnazione, il termine di decadenza e la differenza rispetto ai contratti a tempo determinato.

Giurisprudenza - Corte di Cassazione 07/10/2019
Con riguardo ai contratti di somministrazione di lavoro, il termine di decadenza dell’art. 6 della legge n. 604 del 1966, come modificato dall’art. 32 della legge n. 183 del 2010, si applica a decorrere dalla data di scadenza in origine ..


I presupposti dell’obbligo contributivo del socio di una società di capitali.

Giurisprudenza - Corte di Cassazione 05/10/2019
L’obbligo assicurativo sorge nei confronti dei soci di società a responsabilità limitata solo qualora partecipino al lavoro aziendale in modo abituale e prevalente. In difetto, sono irrilevanti la proprietà delle quote e il ..


Le conseguenze dell’illegittimità del vecchio contratto di lavoro a progetto.

Giurisprudenza - Corte di Cassazione 05/10/2019
L’art. 32 della legge n. 183 del 2010 e la relativa determinazione del regime indennitario si applicano anche nel caso di contratto di lavoro a progetto ritenuto illegittimo, poiché il contratto è a tempo determinato e di discute di ..


Una piana interpretazione dell’art. 1676 cod. civ..

Giurisprudenza - Corte di Cassazione 04/10/2019
Qualora il lavoratore agisca contro il committente ai sensi dell’art. 1676 cod. civ., il diritto sussiste solo se vi sia un debito dello stesso committente nei confronti dell’appaltatore.


Il licenziamento per giustificato motivo oggettivo, l’obbligo di ripescaggio e l’assunzione di un dipendente con mansioni in apparenza simili.

Giurisprudenza - Corte di Cassazione 04/10/2019
In tema di licenziamento per giustificato motivo oggettivo, è rilevante l’assunzione di un dipendente con mansioni in apparenza simili a quelle del lavoratore licenziato, qualora il datore di lavoro nulla deduca o provi in merito.


Ancora sul contenuto dell’atto di interruzione della prescrizione.

Giurisprudenza - Corte di Cassazione 03/10/2019
Non interrompe la prescrizione l’atto scritto che non intimi l’adempimento di una obbligazione.


Una complessa decisione sul carattere ritorsivo del licenziamento.

Giurisprudenza - Corte di Cassazione 01/10/2019
La completa assenza di ragioni giustificative del licenziamento è elemento indicativo del suo carattere ritorsivo.


Sempre sulla forma del trasferimento.

Giurisprudenza - Corte di Cassazione 30/09/2019
In tema di mutamento della sede di lavoro del lavoratore, sebbene il provvedimento di trasferimento non sia soggetto ad alcun onere di forma e non debba contenere l'indicazione dei motivi, né il datore di lavoro abbia l'obbligo di rispondere al ..


Un singolare caso di collaborazione in uno studio professionale.

Giurisprudenza - Corte di Cassazione 28/09/2019
Può essere ritenuto dipendente il collaboratore, privo del titolo di avvocato, che operi in uno studio professionale, sotto la direzione altrui.


Il fondo di garanzia, gli appalti e il committente.

Giurisprudenza - Corte di Cassazione 27/09/2019
Il committente che corrisponda il trattamento di fine rapporto non si può surrogare nei crediti dei lavoratori nei confronti dell’Inps.


L’ordine pubblico internazionale e il contratto di lavoro a tempo determinato.

Giurisprudenza - Corte di Cassazione 27/09/2019
La disciplina sul contratto di lavoro a tempo determinato può rientrare nell’ordine pubblico internazionale.


Le dichiarazioni aggiunte alla confessione.

Giurisprudenza - Corte di Cassazione 26/09/2019
Nell'ipotesi di dichiarazioni aggiunte alla confessione, opera, ai sensi dell'art. 2734 cod. civ., il principio di inscindibilità, nel senso per cui la mancata contestazione comporta l'esonero del dichiarante dall'onere di provare i fatti aggiunti, ..


Una sentenza discutibile sull’accordo interconfederale del 27 aprile 1995.

Giurisprudenza - Corte di Cassazione 26/09/2019
Il diritto del dirigente all’indennità supplementare ai sensi dell’accordo interconfederale del 27 aprile 1995 si collega alla mera natura del licenziamento e prescinde dalle vicende successive.


Le erronee comunicazioni dell’Inps, il comportamento colposo del lavoratore e la limitazione del risarcimento.

Giurisprudenza - Corte di Cassazione 25/09/2019
Ferma la responsabilità dell’Inps per le comunicazioni errate sulla posizione previdenziale, ai sensi dell’art. 1227, primo comma, cod. civ., il lavoratore deve intervenire per evitare il danno, quando l’errore dell’Inps sia ..


Il limite risarcitorio dell’art. 18, quarto comma, St. lav..

Giurisprudenza - Corte di Cassazione 25/09/2019
Il riferimento a dodici mensilità della retribuzione globale di fatto contenuto nell’art. 18, quarto comma, St. lav. pone un limite risarcitorio a favore del datore di lavoro, ma non introduce alcun potere discrezionale, così che, fino ..


Sempre sulle prestazioni di tutela del reddito e sull’aliunde perceptum.

Giurisprudenza - Corte di Cassazione 24/09/2019
Le prestazioni di tutela del reddito percepite dal lavoratore non rilevano ai fini del calcolo del cosiddetto aliunde perceptum.


Ancora sull’effettivo pregiudizio come presupposto dell’azione per violazione dei criteri di scelta nei licenziamenti collettivi.

Giurisprudenza - Corte di Cassazione 21/09/2019
L’annullamento del licenziamento collettivo per violazione dei criteri di scelta ai sensi dell’art. 5 della legge n. 223 del 1991, nella formulazione vigente in seguito alle modificazioni apportate dalla legge n. 92 del 2012, non può ..


Il licenziamento per superamento del periodo di comporto e l’identificazione e la produzione del contratto collettivo applicato.

Giurisprudenza - Corte di Cassazione 20/09/2019
Qualora il datore di lavoro intimi il licenziamento per superamento del periodo di comporto, deve produrre in giudizio il contratto collettivo applicato e dimostrare su quale base sia stato attuato nel rapporto individuale, a fronte della contestazione ..


Pagine: 1  2  3  4  5  6  7  8  9  10  11  12  13  14  15  16  17  18  19  20  21  22  23  24  25  26  27  28  29  30  31  32  33  34  35  36  37  38  39  40  41  42  43  44  45  46  47  48  49   50