Archivio Rivista

Consulta l’archivio che raccoglie i fascicoli pubblicati suddivisi per anno.

Norme di autodisciplina

Come inoltrare i contributi alla rivista.

Valutazione articoli

Giudizio di idoneità alla pubblicazione.

home / Novità / Giurisprudenza / Corte Costituzionale / Una sentenza troppo timida ..

19/03/2019
Una sentenza troppo timida sull’obbligo dei dirigenti pubblici di rendere noti dati (irrilevanti) sulla loro condizione patrimoniale.


argomento: Giurisprudenza - Corte Costituzionale

È illegittimo sul piano costituzionale l’art. 14, comma primo bis, del decreto legislativo n. 33 del 2013, recante norme sul riordino della disciplina sul diritto di accesso civico e sugli obblighi di pubblicità, trasparenza, e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni, nella parte in cui prevede che le amministrazioni pubblichino i dati dell’art. 14, comma primo, lett. f), dello stesso decreto anche per tutti i titolari di incarichi dirigenziali, a qualsiasi titolo conferiti, ivi inclusi quelli conferiti in modo discrezionale dall’organo di indirizzo politico senza procedure pubbliche di selezione, anziché solo per i titolari di incarichi dirigenziali previsti dall’art. 19, commi terzo e quarto, del decreto legislativo n. 165 del 2001.

» visualizza: il documento (Corte costituzionale 21 febbraio 2019, n. 20) scarica file

PAROLE CHIAVE: trasparenza pubblica amministrazione - dirigenti


COMMENTO

Con una inevitabile, ma deprecabile accondiscendenza verso irrazionali forme di giacobinismo (a volere essere benevoli, fonti di disordine), la sentenza è timida nel sancire l’illegittimità costituzionale di disposizioni irrazionali; per la pronuncia, “il legislatore [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio



indietro

  • Giappichelli Social