newsletter

home / Archivio / Fascicolo / Il pensionamento "forzato" del dipendente pubblico tra instabilità delle regole e ..

indietro stampa articolo leggi fascicolo


Il pensionamento "forzato" del dipendente pubblico tra instabilità delle regole e incertezza applicativa: qualche risposta dalla recente giurisprudenza di legittimità

Valentina Pasquarella (Prof. aggregato di Diritto del lavoro nell’Università degli studi di Foggia)

Il saggio analizza l’istituto della risoluzione unilaterale del rapporto di lavoro del dipendente pubblico prima del raggiungimento dell’età pensionabile, disciplinato dall’art. 72, comma 11, della l. n. 133/2008. L’A. ricostruisce la tormentata evoluzione legislativa della norma in un arco temporale quasi decennale e si sofferma su un profilo particolarmente controverso in sede applicativa, ossia l’obbligo di motivazione dell’atto di risoluzione, oggetto di recenti pronunce della Corte di Cassazione.

PAROLE CHIAVE: risoluzione unilaterale - rapporti di lavoro - dipendenti pubblici - obbligo di motivazione

The "forced" retirement of the public employee between instability of the rules and application uncertainty: some answer from the recent jurisprudence of legitimacy

The essay analyzes the unilateral resolution of employment relationship of the public employee before reaching retirement age, disciplined from article 72, comma 11, law no. 133 of 2008. The A. reconstructs the tormented legislative evolution of the norm in a nearly ten-year time span and focuses on a particularly controversial application profile, that is, the obligation to state the reasons for the resolution, object to recent judgments of the Court of Cassation.

Keywords: “Forced” retirement, unilateral resolution of employment relationship, public employees, obligation to state reasons