2018 - 1annoSenzenze

home / Archivio / Fascicolo / L'OIL e la tutela contro il licenziamento illegittimo

indietro stampa articolo indice fascicolo leggi articolo leggi fascicolo


L'OIL e la tutela contro il licenziamento illegittimo

Cristina Alessi, Professoressa associata di diritto del lavoro nell’Università degli Studi di Brescia

 

Il saggio analizza la disciplina del licenziamento nella convenzione OIL n. 158/1982 e la sua possibile efficacia negli ordinamenti degli Stati aderenti, alla luce degli orientamenti del CEACR e del CEDS, anche in relazione all’art. 24 della Carta Sociale Europea. L’A. si occupa, in particolare, della giustificazione del licenziamento e delle sanzioni applicabili al licenziamento illegittimo, alla luce della giurisprudenza delle corti italiane e francesi più recenti.

PAROLE CHIAVE: licenziamento - convenzione OIL - Carta Sociale Europea - efficacia - interpretazione

The ILO and the protection against unfair dismissals

The essay analyzes the regulation of dismissals in the ILO convention n. 158/1982 on termination of employment and its possible effectiveness in the legal systems of the member States, in the light of the guidelines of the CEACR and the CEDS, also in relation to art. 24 of the European Social Charter. The A. deals, in particular, with the justification of the dismissals and the remedies applicable to the unfair dismissal, in the light of the most recent jurisprudence of Italian and French courts.

Keywords: dismissals - ILO convention - European Social Charter - effectiveness - interpretation

Sommario:

1. L'Organizzazione Internazionale del Lavoro e la tutela contro il licenziamento illegittimo: tra convenzione n. 158 e decent work agenda - 2. Il principio della giustificazione del licenziamento - 3. La questione delle sanzioni per il licenziamento illegittimo - 3.1. L'art. 10 della convenzione n. 158/1982 - 3.2. L'art. 10 della convenzione n. 158 alla prova della giurisprudenza delle Corti francesi - 3.3. La Corte Costituzionale italiana tra convenzione OIL e Carta Sociale Europea - NOTE


1. L'Organizzazione Internazionale del Lavoro e la tutela contro il licenziamento illegittimo: tra convenzione n. 158 e decent work agenda

La recente sentenza della Corte costituzionale italiana in materia di sanzioni contro il licenziamento illegittimo ha riportato all’attenzione degli interpreti il ruolo e la funzione dei principi dell’OIL in materia di lavoro. Sul punto si tornerà più avanti; per il momento, si può anticipare che la questione del­l’ap­plicazione della convenzione OIL n. 158/1982, anche nell’interpre­tazione datane dalla stessa Organizzazione attraverso i suoi organi, avrebbe meritato un maggior approfondimento. Si tratta, certamente, di una questione molto complessa, dal momento che l’introduzione di regole espresse in materia di licenziamento ha visto un’evo­luzione piuttosto lenta e ancor oggi oggetto di numerosi contrasti, anche all’in­terno della stessa Organizzazione, come si vedrà. Lo stato della convenzione, al momento ratificata “solo” da 36 Stati, tra i quali non sono presenti alcuni dei Paesi europei con una legislazione del lavoro molto avanzata, come l’Ita­lia, la Germania e il Belgio, ne è una dimostrazione eclatante. Eppure la protezione contro il licenziamento illegittimo può essere ricondotta ai diritti fondamentali dei lavoratori, come strumenti necessari al conseguimento della giustizia sociale, che costituisce, come risulta dalla stessa Costituzione dell’OIL, il primario obiettivo dell’Organizzazione [1]. La tutela contro il [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


2. Il principio della giustificazione del licenziamento

La previsione cardine della convenzione è senza dubbio il principio della necessaria giustificazione nel licenziamento [17], già riconosciuto nella Raccomandazione n. 119/1963 e ripreso nei medesimi termini dalla Carta Sociale Europea (d’ora in avanti CSE). Si può anticipare che tra gli interventi dell’OIL sui licenziamenti e la CSE, come si vedrà, esiste un rapporto di influenza reciproca, anche quanto alla loro interpretazione, che deve essere sempre tenuto presente nell’affrontare la questione della loro portata giuridica [18]. L’art. 4 della convenzione stabilisce infatti che i lavoratori non possono essere licenziati senza che sussista un motivo legato all’attitudine o alla condotta del lavoratore o fondato sulla necessità di funzionamento dell’impresa, dello stabilimento e del servizio, gli stessi presupposti previsti dall’art. 24 della CSE [19]. Il rapporto del CEACR precisa altresì che la previsione esclude che il preavviso di licenziamento possa sostituire la giustificazione, come avveniva del resto in Italia nelle ipotesi in cui continuava ad applicarsi il recesso ad nutum [20]. La convenzione, insomma, non consente che la previsione della corresponsione di una somma a titolo di preavviso, ma anche altre forme di indennizzo previste dalle legislazioni nazionali in caso di licenziamento, nonché eventuali forme di protezione del reddito per il periodo [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


3. La questione delle sanzioni per il licenziamento illegittimo

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


3.1. L'art. 10 della convenzione n. 158/1982

La previsione senz’altro più discussa della convenzione n. 158/1982 è quella contenuta nell’art. 10, che obbliga gli Stati aderenti a prevedere sanzioni adeguate in caso di licenziamento illegittimo. La disposizione, di recente oggetto di due importanti pronunce della nostra Corte costituzionale e della Corte di Cassazione francese in materia di licenziamento, è formulata in termini analoghi all’art. 24 della CSE e prevede il diritto dei lavoratori ingiustamente licenziati a “un indennizzo adeguato o ogni altra forma di riparazione considerata come appropriata”. Rispetto all’art. 24 della CSE, l’art. 10 precisa che le suddette conseguenze devono applicarsi se gli organi giurisdizionali o amministrativi degli Stati aderenti “non hanno il potere di annullare il licenziamento e/o di ordinare o proporre la reintegrazione del lavoratore”. Sebbene gli Stati aderenti abbiano la possibilità di scegliere il rimedio applicabile in caso di illegittimità del licenziamento [33], non c’è dubbio che la convenzione privilegi la sanzione della reintegrazione o della ricostituzione del rapporto di lavoro conseguente all’annul­la­mento del licenziamento, come si legge anche nel rapporto del CEACR [34] che sottolinea, peraltro, come nel caso di previsione di un’in­dennità risarcitoria questa debba essere distinta dalle altre spettanze di fine [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


3.2. L'art. 10 della convenzione n. 158 alla prova della giurisprudenza delle Corti francesi

L’applicazione dell’art. 10 della convenzione n. 158/1982 è stata oggetto di una recente sentenza della Corte costituzionale italiana e di una sentenza della Cour de Cassation francese in materia di indennità conseguenti al licenziamento illegittimo. La questione posta aveva ad oggetto, in entrambi i casi, la determinazione delle somme da corrispondere al lavoratore nel caso di accertamento del licenziamento ingiustificato e la comparazione tra le conclusioni cui pervengono i giudicanti è particolarmente interessante perché nel caso italiano la convenzione n. 158/1982 non è stata ratificata, mentre la Francia l’ha ratificata il 16 marzo 1989. Per meglio comprendere la portata delle pronunce in parola è opportuno riepilogare brevemente i termini della questione. Per quanto riguarda l’Italia, oggetto di contestazione è stata la disciplina introdotta dal d.lgs. n. 23/2015 che, com’è noto, ha ridotto ulteriormente l’ambi­to di applicazione della reintegrazione nel posto di lavoro nel caso di licenziamento ingiustificato, già confinata a poche ipotesi, peraltro di non facile interpretazione, dalla legge n. 92/2012. La previsione senz’altro più discussa del d.lgs. n. 23/2015 è quella che quantifica l’indennità dovuta in caso di licenziamento ingiustificato in due mensilità di retribuzione per ogni anno di servizio, con un minimo [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


3.3. La Corte Costituzionale italiana tra convenzione OIL e Carta Sociale Europea

La sentenza della Corte Costituzionale italiana sull’art. 3 del d.lgs. n. 23/2015 è stata oggetto di grande attenzione, come si è visto, da parte della dottrina francese soprattutto per la posizione assunta in relazione alla CSE, ma anche per non aver ritenuto applicabile la convenzione n. 158/1982 dell’OIL esclusivamente a causa della mancata ratifica da parte dell’Italia. La pronuncia è stata approfonditamente analizzata dalla dottrina italiana [57]; in questa sede è però opportuno svolgere alcune considerazioni sulla portata della convenzione per l’ordinamento italiano. Com’è noto, nella valutazione della legittimità costituzionale dell’art. 3, la Corte esamina anzitutto l’efficacia delle norme che potrebbero venire in considerazione. Il giudice rimettente [58], infatti, aveva individuato come possibili riferimenti la convenzione n. 158/1982 dell’OIL, l’art. 24 CSE e l’art. 30 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea, in relazione agli artt. 76 e 117 della Costituzione italiana, che impongono allo Stato di esercitare il potere legislativo nel rispetto, oltre che delle norme costituzionali, dei vincoli derivanti dall’ordinamento comunitario e dagli obblighi internazionali. Tutti gli atti appena citati prevedono, come si è detto, il diritto dei lavoratori alla giustificazione del licenziamento e a un congruo indennizzo [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


NOTE

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


  • Giappichelli Social