Variazioni su temi di diritto del lavoro

 

Cass. 21 dicembre 2016, n. 26467 (licenziamento per giustificato motivo oggettivo)

Due interessanti indicazioni sul licenziamento per giustificato motivo oggettivo: i limiti dell’applicazione dei criteri di scelta e il ripescaggio in mansioni inferiori.


Nel caso di licenziamenti collettivi, la riduzione di personale deve investire l’intero complesso aziendale e può essere limitata a specifici rami solo se sono caratterizzati da autonomia, così che il datore di lavoro deve indicare, nell’atto di apertura della procedura, le ragioni dell’eventuale limitazione dei licenziamenti ad alcune unità e quelle per le quali ritiene di non dovere avviare ai recessi stessi con il trasferimento ad altre strutture produttive vicine dal punto di vista geografico. Tale principio non è applicabile nelle ipotesi di licenziamento individuale per giustificato motivo oggettivo, poiché, in tale caso, una questione di comparazione si pone nei soli casi nei quali l’esigenza di riorganizzazione aziendale sia riferibile a più posizioni di lavoro e non anche su base territoriale.

Con riferimento al testo dell’art. 2103 cod. civ. anteriore alle modificazioni apportate dal decreto legislativo n. 81 del 2015, nei casi di licenziamento per giustificato motivo oggettivo, l’onere del datore di lavoro di provare l’adempimento dell’obbligo di ripescaggio deve essere assolto anche in riferimento a posizioni di lavoro inferiori, ove rientranti nel bagaglio professionale del lavoratore e compatibili con l’assetto organizzativo aziendale; in conformità al principio di correttezza e di buona fede nell’esecuzione del contratto, il datore di lavoro è tenuto a prospettare al lavoratore la possibilità di un impiego in mansioni inferiori quale alternativa al licenziamento e a fornire la relativa prova in giudizio. 


Licenziamenti collettivi - obbligo di repechage - criteri di scelta

 

APRI PDF

Login

Accesso Utenti

Indice 3/2018

cover 3 2018

Loghi

Variazioni su Temi di Diritto del Lavoro
Iscrizione al R.O.C. n. 25223
ISSN 2499-4650
© G. Giappichelli Editore s.r.l.