Variazioni su temi di diritto del lavoro

 

Cass. 31 gennaio 2017, n. 2499 (Licenziamento ritorsivo)

La possibilità di sindacato in sede di legittimità della decisione di merito sull’esistenza del motivo ritorsivo del licenziamento


Il sussistere del motivo ritorsivo ricade nella disciplina dell’art. 1345 cod. civ., così che il relativo giudizio consta di due accertamenti, il motivo di ritorsione (motivo illecito) e l’assenza di altre ragioni lecite determinanti (l’esclusività del motivo). Ambedue gli accertamenti impongono un giudizio di fatto, in quanto teso a ricostruire la volontà del datore di lavoro, così che il giudizio è censurabile solo ai sensi dell’art. 360, primo comma, n. 5, cod. proc. civ..


Licenziamento ritorsivo - accertamento del motivo illecito - accertamento dell'esclusività del motivo illecito - sindacato in sede di legittimità

 

APRI PDF

Login

Accesso Utenti

Indice 3/2018

cover 3 2018

Loghi

Variazioni su Temi di Diritto del Lavoro
Iscrizione al R.O.C. n. 25223
ISSN 2499-4650
© G. Giappichelli Editore s.r.l.