Archivio Rivista

Consulta l’archivio che raccoglie i fascicoli pubblicati suddivisi per anno.

Norme di autodisciplina

Come inoltrare i contributi alla rivista.

Valutazione articoli

Giudizio di idoneità alla pubblicazione.

home / Novità / Giurisprudenza / Corte di Giustizia / Il diritto europeo, la ..

05/07/2019
Il diritto europeo, la discriminazione fondata sul sesso e la posizione di teste nel precedente.


argomento: Giurisprudenza - Corte di Giustizia

L’art. 24 della direttiva 2006 / 54 / Ce del Parlamento europeo e del Consiglio del 5 luglio 2006, riguardante l’attuazione del principio delle pari opportunità e della parità di trattamento fra uomini e donne in materia di occupazione e impiego, deve essere interpretato nel senso per cui osta a una normativa nazionale in forza della quale, in una situazione in cui una persona, che si ritiene vittima di una discriminazione fondata sul sesso abbia presentato un reclamo, un lavoratore che la abbia sostenuta in tale contesto sia tutelato contro le misure di ritorsione adottate dal datore di lavoro soltanto se sia intervenuto in qualità di testimone nell’ambito dell’istruttoria di tale reclamo e se la sua testimonianza risponda ai requisiti formali previsti da detta normativa (principio di diritto ricavato dalla decisione).

» visualizza: il documento (Corte di giustizia, sezione terza, 20 giugno 2019, C. – n. 404 del 2018, Signora Jamina Hakelbracht e altri c. WTG retail Bvba. ) scarica file

PAROLE CHIAVE: discriminazione fondata sul sesso - testimone


COMMENTO

Basata su una motivazione lacunosa, la decisione non può essere condivisa. E’ logico che il diritto nazionale ancori la tutela antidiscriminatoria a una specifica posizione processuale. La tutela può essere anche più estesa, ma occorre circoscrivere i suoi presupposti, [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio



indietro

  • Giappichelli Social