Archivio Rivista

Consulta l’archivio che raccoglie i fascicoli pubblicati suddivisi per anno.

Norme di autodisciplina

Come inoltrare i contributi alla rivista.

Valutazione articoli

Giudizio di idoneità alla pubblicazione.

home / Novità / Giurisprudenza / Corte di Giustizia / La libera circolazione dei ..

09/08/2019
La libera circolazione dei lavoratori e una procedura di cosiddetta cancellazione dei debiti.


argomento: Giurisprudenza - Corte di Giustizia

L’art. 45 del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea deve essere interpretato nel senso per cui osta a una regola di competenza giurisdizionale prevista dalla normativa di uno Stato membro, regola che subordini la concessione di un provvedimento di cancellazione di debiti al requisito per cui il debitore abbia la propria residenza o soggiorni in tale Stato membro. L’art. 45 del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea deve essere interpretato nel senso per cui impone al giudice nazionale di disapplicare il requisito di residenza previsto da una regola nazionale di competenza giurisdizionale, a prescindere dal fatto che la procedura di cancellazione di debiti comporti se del caso la conseguenza di pregiudicare i crediti vantati da privati (principio ricavato dalla decisione).

» visualizza: il documento (Corte di giustizia, sezione quarta, 11 luglio 2019, C – 176 del 2017. ) scarica file

PAROLE CHIAVE: libera circolazione dei lavoratori - avvio di una procedura di cancellazione dei debiti - requisito di residenza


COMMENTO

La sentenza si colloca ai limiti estremi del diritto del lavoro e, forse, fuori da questi. Tuttavia, merita di essere pubblicata per l’importanza anche applicativa del principio.

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio



indietro

  • Giappichelli Social