carosi-cinelli

home / Novità / Giurisprudenza / Corte di Merito / Il cambio dell’appaltatore, ..

22/11/2021
Il cambio dell’appaltatore, la rifuzione della retribuzione e i licenziamenti collettivi.


argomento: Giurisprudenza - Corte di Merito

In caso di licenziamenti dovuti alla modificazione dell’appaltatore, con applicazione dell’art. 7, comma quarto bis, del decreto – legge n. 248 del 2007, convertito con modificazioni dalla legge n. 31 del 2008, qualora il trattamento retributivo praticato dal secondo appaltatore sia inferiore, seppure in modo legittimo, non può trovare applicazione lo stesso art. 7, comma quarto bis, del decreto – legge n. 248 del 2007. Pertanto, qualora ne ricorrano i presupposti, deve trovare applicazione la procedura degli artt. 4 e 24 della legge n. 231 del 1991.

» visualizza: il documento (Trib. Lodi 13 ottobre 2021. ) scarica file

PAROLE CHIAVE: appaltatore - retribuzione - licenziamenti collettivi


COMMENTO

Il principio di diritto è ineccepibile; peraltro, l’esito è iniquo per l’intrinseca irrazionalità della disciplina, che fa dipendere la forma dei licenziamenti da un fatto successivo alla loro intimazione. L’unico, possibile rilievo alla decisione è [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio



indietro